Al parco

Qualche sera prima era a casa, davanti al caminetto acceso, a guardare la tv e a riscaldare le mani intirizzite con una bella tazza di tè fumante. Quella invece, stava sotto un ombrello nero a ripararsi da una pioggia incessante. L’aria gelida quasi gli feriva le narici, tanto era pulita e fine, mentre il bagnato del terreno stava con sollievo … Continua a leggere

IL NERO

  Brillano e splendono Migliaia di pigmenti colorati addobbano il tavolo di legno Verde speranza e Bianco candore L’Azzurro è dell’abisso mentre l’Arancio pare sbiadito C’è il Celeste infinito e il Rosso del cuore Manca mi sembra solo il nero… il colore del terrore. Tra le mie dita vive un pennello dalla morbida chioma Palpita e freme, lo sento ansimare… … Continua a leggere

Con la mano

  Ricordo qual’era la sua abitudine, prima di agguantarmi e stringermi a se levandomi ogni volontà cosciente. Poi, come potete immaginare, non mi rimaneva da pensare proprio a niente. Si strofinava la fronte con la mano sinistra, oltre il senso di tutto, al di là di ogni azione successiva, strofinava la sua testa bella e altera come si fosse trattato … Continua a leggere

La Banalità.

  E’ vero che è tutto falso nello sgarro dell’ovvietà piombo in fondo come un sasso dentro un pozzo profondo. E’ bizzarro questo dolce Direi quasi amaro, se non rischio di piombare di nuovo, scusate, nel banale. Non è poesia ne novella Storia o notizia Solo uno sbaglio, un continuo errore Di provare a parlar bene, senza smetter mai di … Continua a leggere

I cigni non son tutti belli – ultima parte

  ultima parte Nel penetrarla, affondando nel contempo dentro i suoi splendidi occhi , Emma piange. Avidamente con le labbra lui bacia le sue lacrime; sussurrandole dolcemente che è bellissima, lei sorride dimostrando che non sempre il pianto è manifestazione di dolore e dispiacere. I fruscii e tutti i suoni piacevoli che gli amanti emettono salgono al cielo, ma non … Continua a leggere

I cigni non son tutti belli *II parte

II parte Emma pensa a tutto questo e a molto altro ancora, come ogni minuto di ogni giorno della sua nuova vita, quando ormai gli animali tacciono e il frusciare delle foglie sui rami vicini è l’unico rumore che le fa compagnia. La brezza è fresca perché sto raccontando del mese di ottobre, il periodo in cui l’estate del meridione … Continua a leggere

I cigni non sono tutti belli

  I Parte   Quando le luci del bar si spengono, Emma siede già da alcuni minuti sulla grande lastra di pietra che funge da panchina nella sponda più bassa del laghetto artificiale della clinica protesica. Si trova in questa casa di cura da sei giorni, ormai, e conosce bene gli orari e le abitudini di chi amministra il luogo … Continua a leggere

Luce di tenebra

    Un altro giorno, potrebbe donarmi un nuovo nome Un’altra vita, potrebbe essere un felice amore Questo cielo è celato per sempre dalla lunga notte che mi circondò Il giorno che i miei occhi videro i tuoi. Questa luce è virata in tenebra nel tuo riflesso speculare che mi accecò Il giorno che i tuoi occhi serrarono i miei. … Continua a leggere

Questa notte

    Com’è questa notte che sento i grilli frinire nella mia immaginazione, com’è questa vita se esisto dentro un sogno e oltre non so andare? Cos’è tutto questo, se la luce mi bagna ma è solo desiderata, cos’è quella luna che tonda e bianca perfora il cielo senza smettere di sospirare? È forse solo follia, la vita che credo … Continua a leggere

La sera arrivò – II parte

    L’atrio era quello di una casa antica e, con una valutazione sommaria, la giudicò molto ricca. Il buio imperava, solo da una porta aperta scaturiva la luce splendente di una casa serena e normale. Così almeno sperava Eva. La cameriera la condusse proprio là, per poi sgusciar via velocemente. La stanza illuminata in cui era entrata, arredata di … Continua a leggere