Scrissi troppo presto

Parlai col tuo spirito di quando sarei nata Poi scrissi e scrissi di mare, oceani d’amore e orizzonte smisurato Parlai e parlai di tramonti infiniti, spazi di cuore e immense profondità Mai pensai di usare quel filo di ragno che è il desiderio Quello da me leccato e tessuto, irrobustito e poi logorato Prima ben conservato, poi dimenticato. Solo dopo … Continua a leggere