Godimento lento

Permane, sul vetro, l’umore della pioggia lacrimevole, così che tra le cosce ti senti in relazione col tempo, con la natura verde e scura. Il cielo di piombo compatto opprime l’intenzione, pesa sul sospetto, ti suggerisce negazione, mentre la mano cala sulla curva ombrosa di pelle vellutata, la peluria è celata mentre piove piove e piove. I pugni del vento … Continua a leggere

Ricordo i profumi

  Poc’anzi ho fatto una passeggiata fuori casa, a dire il vero attorno alla casa stessa e dentro il mio cortile che la circonda su tre lati. Ho una veranda aperta, larga e ben curata, che si affaccia tramite dei grandi archi su un piccolo prato sfortunato. Sfortunato perché l’erba, che sarebbe dovuta essere del genere sempreverde, in gran parte … Continua a leggere

Per chi non voleva capire

Quand’egli lo vide cosparso di sabbia pensò, è impossibile, e si avvicinò. Col piede esitante smosse la rena, con l’occhio dubbioso esplorò al suo interno senza volere, sperava almeno di non riuscire a credere. Una raffica di vento maestrale lo aiutò a capire, gli disse è quel che non vorresti vedere. Muovi le mani e sbottona la camicia, liberati del … Continua a leggere